Analisi di bilancio

Si definisce “analisi di bilancio” un’analisi gestionale finalizzata a valutare la situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell’impresa elaborata in un preciso momento, per confrontarne la posizione rispetto al passato o agli obiettivi prefissati o alle aziende concorrenti. Per farlo, parte dal bilancio di esercizio e ne esegue una rielaborazione e integrazione, con lo scopo di ottenere informazioni aggiuntive ed elaborare degli indicatori sintetici utili all’obiettivo che si vuole raggiungere.

 

Cos’è l’Analisi di bilancio o Analisi per indici

L’analisi di bilancio (o analisi per indici) parte dal bilancio di esercizio, lo rielabora e lo integra per mettere in relazione i dati contabili con i dati extracontabili. Questa rielaborazione si basa quindi sulla raccolta delle fonti (bilancio di esercizio, bilanci contabili, situazioni contabili infrannuali, dati di budget, piani aziendali, eccetera) e sulla riclassificazione del bilancio in uno schema di sintesi, che aggrega e normalizza tutti i dati raccolti.

La riclassificazione di bilancio permette così di far confluire valori diversi e analizzare le varie dinamiche aziendali, permettendone una comparazione nel tempo (tra dati della stessa azienda in tempi diversi) e nello spazio (tra dati simultanei di aziende diverse). Il bilancio riclassificato è propedeutico rispetto alla fase di analisi per indici che permette di ottenere indicatori sintetici sull’andamento di specifici aspetti gestionali e che, collegando i singoli indicati, fornisce un quadro integrato delle performance dell’azienda.

 

A cosa serve l’Analisi di bilancio

L’analisi di bilancio serve a fare le opportune valutazioni d’azienda tramite indici sintetici che permettono di esaminare velocemente la redditività aziendale, l’analisi dei cicli produttivi, l’analisi dei costi fissi e variabili, la convenienza economico-finanziaria, la liquidità e i flussi di cassa.

Gli indici di riclassificazione sintetizzano con immediatezza la situazione aziendale e utilizzano gli stessi valori contabili che hanno originato il bilancio, integrati e rielaborati in modo opportuno grazie al collegamento dei conti del piano dei conti alla matrice di riclassificazione. Tra questi:

• INDICI DI ROTAZIONE (Rimanenze, crediti, debiti);
• INDICI REDDITUALI (R.O.E. – R.O.I. – R.O.D.);
• INDICI DI PRODUTTIVITÀ (Utili operativi e netti sui dipendenti, ricavi vendite e prestazioni sui dipendenti);
• INDICI DI SOLIDITÀ (Indebitamento, copertura degli immobilizzi, tesoreria, struttura, capitale circolante).