Corrispettivi elettronici

Si definiscono “corrispettivi elettronici” i corrispettivi giornalieri memorizzati elettronicamente che devono essere inviati ogni giorno all’Agenzia delle Entrate, sotto forma di file XML tramite un registratore telematico di cassa (RT). I soggetti obbligati all’invio dei corrispettivi elettronici dovranno comunque rilasciare al consumatore finale uno scontrino fiscale cartaceo, necessario a garanzia del prodotto acquistato.

 

Chi è obbligato ai corrispettivi elettronici

L’obbligo dei corrispettivi giornalieri è scattato il 1° luglio 2019 per chi nel 2018 ha registrato un fatturato superiore a 400 mila euro e dal 1° gennaio 2020 per tutti gli altri operatori. Riguarda tutti i commercianti al minuto e attività assimilate che non sono obbligati ad emettere fattura elettronica.

 

I soggetti esonerati dall’obbligo dei corrispettivi telematici

Non tutti i commercianti sono interessanti dall’obbligo dei corrispettivi telematici. Alcuni soggetti sono stati esonerati almeno per il momento tra questi ci sono i tabaccai, coloro che effettuano trasporto pubblico, le attività di telecomunicazione e radiocomunicazione, le edicole e chi vende prodotti agricoli. Per questi soggetti vale l’obbligo di rilasciare lo scontrino normale o la ricevuta fiscale.

 

Come inviare i corrispettivi elettronici all’Agenzia delle Entrate

La trasmissione giornaliera del file XML dei corrispettivi registrati nel giorno avviene tramite il Registratore Telematico che è in grado di connettersi a internet e inviare i dati registrati durante la giornata. Dopo la chiusura di cassa il registratore in automatico predispone il file da inviare e lo trasmette all’Agenzia delle Entrate. Se ci dovessero essere problemi di connessione, il commerciante ha comunque 12 giorni di tempo per ritrasmettere i dati tramite:

  • la riconnessione del registratore di cassa che memorizza il file;
  • tramite la copia su USB del file dal registratore telematico e l’invio dei dati dal portale Fatture e Corrispettivi.

 

Come inviare i corrispettivi elettronici senza il registratore telematico

Se il commerciante non dovesse avere il registratore telematico può ricorrere alla procedura gratuita messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate che si avvale del portale Fatture e Corrispettivi. Sul portale c’è la sezione Corrispettivi elettronici che ha la sezione Genera Documento Commerciale on line. Cliccandoci sopra si apre una schermata dove vanno inseriti manualmente tutti i dati necessari per generare il documento .

 

Approfondimenti

Per saperne di più:
REGISTRO DEI CORRISPETTIVI: COS’È E COME SI COMPILA
RICEVUTA FISCALE, FATTURAZIONE E CORRISPETTIVI ELETTRONICI: COME FARE?
SANZIONI CORRISPETTIVI TELEMATICI: LE NOVITÀ APPORTATE DALLA MANOVRA 2021
RINVIATO L’ADEGUAMENTO AL NUOVO TRACCIATO TELEMATICO DEI CORRISPETTIVI
IMPORTAZIONE CORRISPETTIVI ELETTRONICI IN PRIMA NOTA