ENASARCO

L’ENASARCO è l’Ente Nazionale di Assistenza per gli Agenti e i Rappresentanti di Commercio, ovvero l’ente italiano che si occupa della previdenza integrativa obbligatoria dei professionisti che svolgono attività di intermediazione commerciale e finanziaria con contratto di agenzia o rappresentanza. In Italia, agenti e rappresentanti di commercio sono obbligati al versamento contributivo Enasarco: i contributi devono essere versati dal mandante.

L’Enasarco ha uffici territoriali dislocati in tutta l’Italia, si occupa di pensioni e welfare per gli iscritti e le loro famiglie, di formazione e qualificazione professionale. Esercita azioni di vigilanza ispettiva sia per l’accertamento della natura del rapporto d’agenzia, sia per l’osservanza degli obblighi contributivi da parte delle imprese preponenti.

 

Chi è soggetto a Enasarco

L’agente e rappresentante di commercio è un’attività regolamentata dalla Legge 204/1985, riservata ai soggetti in possesso di determinati requisiti morali e professionali. Possono iscriversi all’Enasarco le persone fisiche e le persone giuridiche che svolgono attività di intermediazione comunque riconducibile al rapporto di agenzia (ai sensi art. 1742 c.c. e seguenti).

L’obbligo di iscrizione è a carico della ditta preponente (mandante) e nasce nel momento in cui conferisce un mandato di agenzia o rappresentanza commerciale. Per l’iscrizione al ruolo, l’attività di intermediazione deve:

  1. avere per oggetto la promozione della conclusione di contratti
  2. avere requisiti di stabilità e continuità tipici del contratto di agenzia (di cui agli articoli 1742-1752 del Codice Civile)

Non sono soggetti a Enasarco tutti coloro che svolgono attività di intermediazione che non rispettano i due requisiti di sopra menzionati. Più nello specifico, le aziende mandanti hanno l’obbligo di iscrivere:

  • gli agenti operanti in forma individuale;
  • gli agenti costituiti in società di capitali (s.p.a., s.r.l., accomandita per azioni);
  • i soci illimitatamente responsabili, nel caso di agenti costituiti in società di persone;
  • i promotori finanziari (oggi denominati “Consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede”) e gli agenti in attività finanziaria;
  • i collaboratori delle agenzie immobiliari qualora ricorrano gli elementi del contratto di agenzia;
  • i collaboratori autonomi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi.

All’atto della prima iscrizione, la Fondazione accende un conto personale intestato a ogni singolo agente sul quale affluiranno i versamenti effettuati da tutte le ditte preponenti. Per l’iscrizione al ruolo del singolo agente devono sussistere requisiti personali, morali e professionali.

Non sono soggetti a Enasarco:

  • procacciatore d’affari  (art. 2222 c.c.)
  • contratto di lavoro a progetto (art. 61-69 D.lgs. 276/03)
  • apertura di sola partita IVA per libera professione (es. consulenti, prestazione di servizi, ecc.)
  • prestazione di servizi (es. amministrazione di condomini, agenzia di viaggi,  pulizie).

 

Per saperne di più
Vademecum Enasaco
Sito ufficiale: https://www.enasarco.it/