Hardware

Con il termine “hardware” (da hard = pesante e ware = componente) si fa riferimento alle parti fisiche di un computer, comprese le sue parti interne e i dispositivi esterni collegati. Eseguono attività come il calcolo dei dati, l’archiviazione delle informazioni, l’elaborazione dell’input e la fornitura dell’output. Qualsiasi parte di un computer che si può toccare fisicamente è hardware: mentre l’hardware si riferisce ai componenti fisici, il software si riferisce ai programmi e alle applicazioni che vengono eseguiti su un computer.

Tutti i dispositivi hardware (interni o esterni) includono chip su un circuito per eseguire una funzione. Tutto l’hardware richiede anche un modo per interfacciarsi con il resto del computer, in genere collegandosi a una porta, presa o radio wireless. Successivamente, i componenti hardware includeranno altre parti che li aiutano a svolgere la loro funzione, come pulsanti, sensori, custodie protettive o persino ventole di raffreddamento per evitare il surriscaldamento.

È possibile aggiungere nuovo hardware a un computer per estenderne le funzionalità: a tal fine, è necessario spegnere il computer prima di installare nuovi componenti interni, mentre le periferiche esterne sono spesso plug-and-play. La maggior parte dell’hardware richiede driver ovvero file di dati contenenti istruzioni per il sistema operativo del computer su come controllare il nuovo hardware (solitamente forniti su un disco in dotazione con l’hardware o disponibili per il download dal sito Web del produttore).

Le componenti interne

I dispositivi hardware interni, o componenti interne, consistono in tutto ciò che si trova all’interno del case di un computer (scatola):

  • La scheda madre, ovvero la scheda di sistema principale a cui si collega ogni altro componente, costituita da un grande circuito stampato con molti chipset e controller integrati. Le schede madri includono anche prese, slot e porte per collegare nuovi componenti.
  • Le schede controller e le schede di espansione che si inseriscono in slot speciali sulla scheda madre, per espandere le capacità del computer (ad esempio, includendo schede video più potenti, interfacce di rete aggiuntive e porte extra).
  • Il processore (o CPU) che rappresenta il cervello del computer, elabora le istruzioni e controlla il resto dell’hardware.
  • I dispositivi di archiviazione (come i dischi rigidi e le unità a stato solido) che contengono file e applicazioni e che conservano i dati anche dopo che il computer è stato spento.
  • La memoria RAM che memorizza temporaneamente le informazioni che la CPU deve elaborare (si azzera quando il computer viene spento).
  • Un alimentatore che converte la corrente alternata proveniente da una presa a muro in una corrente continua per alimentare i componenti del computer.

 

Le periferiche esterne

I dispositivi hardware esterni, generalmente chiamati periferiche, includono tutto ciò che si connette a un computer tramite una delle sue porte o spine, come ad esempio:

  • Il  monitor visualizza l’output della scheda video per fornire un’interfaccia utente, dalla quale monitorare e controllare il computer. Se necessario, è possibile installare anche più monitor.
  • Tastiere e mouse accettano input, consentendo agli utenti di inserire testo, impartire comandi e manipolare oggetti visualizzati sullo schermo.
  • Gli altoparlanti e le cuffie riproducono i suoni generati da un computer.
  • Le stampanti consentono di stampare i documenti su carta, mentre gli scanner consentono di creare una copia digitale di un documento o di una fotografia. Le stampanti multifunzione che combinano queste funzioni sono ormai comuni.
  • I dispositivi di archiviazione esterni memorizzano i dati e possono essere facilmente disconnessi e riconnessi da un computer a un altro per spostare i dati.