Riconciliazione bancaria

Si definisce “riconciliazione bancaria” quell’attività di gestione aziendale che consiste nel verificare la corrispondenza tra conti bancari e contabilità per effettuare una quadratura di tutti i movimenti registrati. In questo modo, l’azienda allinea la contabilità aziendale con le operazioni registrate sul conto corrente.

 

Come si fa la riconciliazione bancaria

La riconciliazione bancaria verifica la corrispondenza tra i movimenti (ad una certa data) elencati sull’estratto conto bancario e il relativo conto patrimoniale, presente in contabilità generale e associato alla stessa banca: al termine del controllo, i saldi presenti sul conto corrente bancario e sul conto intestato alla banca devono coincidere.

Per effettuare la quadratura, si utilizzano dei modelli chiamati prospetti di riconciliazione bancaria nei quali  vengono riportati i dati contenuti nell’estratto conto bancario e nella prima nota: si verifica che tutte le scritture contabili registrate coincidano con i movimenti bancari dell’estratto conto, e si apportano le opportune modifiche in contabilità. Il prospetto di riconciliazione bancaria può essere fatto manualmente, tramite Excel, o in automatico con un software di gestione contabile che includa questa funzionalità.

 

Per saperne di più: RICONCILIAZIONE BANCARIA: COS’È E COME SI FA