Studi di settore

Si definiscono “studi di settore” sono stati lo strumento con il quale si determinava la capacità di produrre ricavi o conseguire compensi delle imprese e dei lavoratori autonomi all’interno dei singoli settori economici. Istituiti dal Decreto Legge 331/1993 e aboliti nel 2018 dalla Legge di Bilancio 2017 (L. 205/2017) e sostituiti dagli ISA, hanno permesso di rappresentare la situazione economica ed aziendale del contribuente e di superare la modalità di controllo di ricavi o compensi basata esclusivamente sulle scritture contabili. Obiettivo dello studio di settore era l’individuazione delle variabili che colgono al meglio la capacità di un’azienda di produrre ricavi, da intendersi non come i ricavi effettivamente conseguiti, ma come ricavi maggiormente probabili per l’impresa.