La fattura elettronica semplificata

Fattura semplificata

Tra i tanti interventi e chiarimenti in tema di fatturazione elettronica obbligatoria, il 10 maggio 2019 MEF (Ministero Economia e Finanze) ha emanato un decreto che ha modificato l’ importo massimo per l’emissione della fattura semplificata.

Introdotta per la prima volta nel 2013, la fattura semplificata è una fattura a tutti gli effetti: la differenza con quella ordinaria è che occorrono meno informazioni obbligatorie per la sua compilazione. In questo articolo spieghiamo cos’è la fattura semplificata e quali sono i suoi limiti e i vantaggi.

 

Cos’è la fattura semplificata

La legge 288 del 24/12/2012, entrata in vigore il 1° gennaio 2013, ha modificato l’articolo 21-bis del DPR 633/1972, legiferando per la prima volta in Italia la fattura semplificata. Questa tipologia di fattura ha lo stesso valore contabile, fiscale e legale della fattura ordinaria, ma per la sua emissione sono necessarie meno informazioni obbligatorie e il suo importo totale non può superare i 400 euro, incluso di iva . Fino a prima dell’intervento del MEF, questo limite era pari a 100 euro.

Il valore totale della fattura semplificata è, quindi, inteso comprensivo di IVA: pertanto la somma dell’imponibile più IVA non deve superare il limite previsto dalla legge. Proprio per questa sua caratteristica di semplicità e di valore contenuto, è tipicamente utilizzata in alcuni settori come la ristorazione o altre piccole attività (piccoli artigiani, ferramenta, negozi di ricambi), che solitamente fatturano importi non elevati.

 

Come registrare una fattura semplificata

Nella fattura semplificata vanno inserite le seguenti informazioni di base:

  • la data di emissione e numero progressivo per identificarla univocamente
  • tutti i dati che identificano il venditore (denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio e partita IVA del soggetto cedente o prestatore)
  • i dati che identificano l’acquirente che possono essere soltanto la partita IVA o il codice fiscale, oppure tutti i dati completi (quindi anche denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del cessionario o committente)
  • l’indicazione sommaria dei beni o dei servizi oggetto di cessione
  • l’ammontare del totale fattura e l’aliquota di imposta sul valore aggiunto (IVA) applicata;
  • se si sta emettendo una nota di addebito o di accredito, bisogna inserire il riferimento alla fattura rettificata.

Quando chi emette la fattura semplificata o chi la riceve non hanno residenza nel territorio italiano, nella fattura va indicato il rappresentante fiscale e la sede della stabile organizzazione.

 

Chi può emettere la fattura semplificata

La fattura semplificata può essere emessa dalle imprese e dai professionisti (titolari di partita IVA), nel rispetto dei limiti sopra descritti. È possibile anche emettere fattura semplificata per cessioni di beni o servizi verso soggetti passivi di imposta stabiliti in un paese extra CE.

Ci sono, tuttavia, alcune eccezioni, previste dalla legge, in cui non è possibile emettere la versione semplificata della fattura, ma occorre fare quella ordinaria. I casi sono i seguenti:

  • cessioni intracomunitarie (rif. articolo 41, D.L. 331/1993);
  • vendite a distanza;
  • prestazioni di servizi o cessioni di beni eseguite verso soggetto passivo stabilito in altro Stato comunitario dove l’imposta è dovuta.
  •  

    Come emettere una fattura semplificata elettronica

    I tracciati dei file XML previsti per la fattura semplificata, sono stati definiti tramite provvedimenti emanati nel corso del 2018 (provvedimento del 30 aprile poi rettificato in ottobre). Differentemente dal tracciato XML della fattura elettronica ordinaria, quello relativo al formato semplificato non prevede la sezione denominata “Altri dati gestionali dove poter indicare gli elementi facoltativi della transazione (targa automezzo e altri riferimenti ai documenti commerciali).

    Le specifiche tecniche per la forma semplificata della fattura elettronica riguardano il limita massimo del file per singola fattura che non può essere maggiore di 5 megabyte, a prescindere dal canale di comunicazione utilizzato. Questo limite dimensionale assicura una facile usabilità via web di questa tipologia di formato.

    Nel caso in cui il SDI (Sistema di Interscambio) non riesca a consegnare i file per indisponibilità del canale (ad esempio la casella PEC è piena), verranno effettuati un massimo di 6 tentativi di trasmissione ogni 12 ore (per un massimo di tre giorni consecutivi). Se la consegna non dovesse comunque andare a buon fine, il processo si chiude: sarà poi il venditore che dovrà impegnarsi ad avvisare l’acquirente di prelevare la sua fattura dal suo cassetto fiscale o nel sito di Fatture e Corrispettivi.

     

    I vantaggi offerti dalla fattura semplificata

    Come già detto, la fattura semplificata ha una valenza legale e fiscale esattamente uguale a quella ordinaria. La sua caratteristica è che è un documento decisamente più semplice da compilare e offre alcuni vantaggi. Ad esempio per l’indicazione del cliente: se italiano basta inserire il suo codice fiscale o, se provvisto, la sua partita IVA anziché inserire tutti i dati richiesti dal formato ordinario; nel caso di cliente comunitario, basta inserire il numero di identificazione IVA (prefisso e num. di partita IVA estera), tralasciando i dati anagrafici-residenziali.

    Anche il totale fattura può essere molto più semplice: basta, ad esempio inserire il totale fattura specificando la percentuale di aliquota IVA applicata oppure basta indicare il totale IVA senza l’aliquota in percentuale (ad esempio posso scrivere: totale fattura € 44,00 con € 3,93 euro di IVA oppure totale fattura € 44,00 comprensivo di aliquota IVA al 22% ).

    Fattura Semplificata: esempio modalità di indicare l'IVA

    Fattura Semplificata: esempio modalità di indicare l’IVA


     

    Inoltre, relativamente ai beni e servizi ceduti, basta un’indicazione sommaria anziché l’indicazione della natura, quantità e qualità previsti nella fattura ordinaria.

     

    Vuoi saperne di più?

    Vuoi ricevere maggiori informazioni?
    Contattaci subito: siamo a tua completa disposizione!