Modello Fattura Excel: esempi scaricabili online e come compilarli

Modelli fatture da scaricare

Qual’è il modello fattura più adatto alla tua attività?
Non hai un software gestionale, devi emettere le tue fatture manualmente e non sai come fare?

Che sia una semplice copia di cortesia oppure un documento ufficiale, la fattura è un documento molto importante che deve rispettare determinati requisiti ed esporre tutte le informazioni obbligatorie ai fini fiscali.In questo articolo troverai dei modelli e facsimili di fatture, che potrai scaricare e modificare per tutte le tue esigenze personali.

Modello Ricevuta per Prestazione Occasionale

Per i soggetti che non hanno una partita IVA e che prestano manodopera saltuariamente, è possibile gestire il compenso tramite la ricevuta per prestazione occasionale con ritenuta d’acconto: in questa ipotesi, l’ammontare dei compensi annuali del lavoratore non può superare i 5.000 euro e non può lavorare più di 30 giorni consecutivi per lo stesso committente.

Per questa tipologia di attività, un modello di ricevuta è il seguente:

Modello Ricevuta Word Prestazione occasionale esempio

Modello Ricevuta Word Prestazione occasionale esempio

Scarica qui il modello word di ricevuta per prestazione occasionale che potrai modificare immettendo tutti i tuoi dati.

Questa nota serve a dare quietanza di pagamento al committente e a certificare il compenso avuto come lavoratore autonomo o professionista. La ritenuta d’acconto viene versata dal committente che agisce come sostituto d’imposta ai fini IRPEF. Nella ricevuta per le prestazioni con un importo maggiore di 77,47 euro, bisogna allegare una marca da bollo di 2 euro. Per il calcolo della base imponibile su cui applicare la ritenuta d’acconto, si considerano anche i rimborsi per spese sostenute in anticipo dal professionista e concordate con il cliente. Non concorrono invece alla base imponibile i contributi previdenziali.

Se il lavoratore dovesse superare la soglia dei 5.000,00 euro durante il periodo d’imposta, deve comunicarlo subito al proprio committente (o a tutti i committenti se ne ha più di uno) e iscriversi alla Gestione Separata INPS. In questo caso, nella ricevuta apparirà anche la voce “Ritenuta INPS“. Quando ci sono più committenti, ciascuno di loro parteciperà in modo proporzionale al contributo previdenziale, in base al rapporto tra il compenso che deve al lavoratore e il totale delle erogazioni del mese verso il lavoratore stesso.

 

Modello Fattura Excel per Forfettari

Il regime forfettario prevede notevoli semplificazioni di carattere contabile e fiscale, tra cui quello di non dover gestire l’IVA: il reddito imponibile viene calcolato forfettariamente (con il coefficiente di redditività) e il soggetto non deve né detrarre né versare l’imposta sul valore aggiunto. Inoltre, i forfettari al momento sono esonerati dall’emissione della fattura elettronica.

Sulla fattura dei forfettari andrà riportata una particolare dicitura che informa il destinatario che l’emittente è in regime forfettario. La dicitura dovrà riportare i riferimenti di legge, con una frase come la seguente:

Operazione effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190/2014 così come modificato dalla Legge numero 208/2015 e dalla Legge 145/2018. Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto ai sensi dell’articolo 1 comma 67 della Legge numero 190/2014.

Oltre a questo, va indicata l’annotazione dell’imposta di bollo per importi totali maggiori di 77,47 euro.

Sempre ai fini della fatturazione, bisogna poi distinguere il caso in cui il soggetto emittente è iscritto ad una cassa di previdenza oppure è iscritto alla Gestione Separata INPS (senza cassa). Vediamo qual è il modello fattura per ciascuno dei due casi.

 

Esempio Fattura Regime Forfettario con Cassa Previdenziale

I soggetti che sono in regime forfettario e hanno una loro cassa di previdenza (ad esempio medici, psicologi, avvocati, architetti, ingegneri, giornalisti, eccetera) devono inserire il contributo integrativo del 4%. Tale contributo è obbligatorio per tutti gli iscritti all’Albo Professionale e va messo in tutte le fatture emesse, tranne che per quelle destinate ai clienti esteri.

Per questa tipologia di attività, un esempio di fattura è il seguente:

Modello Fattura Excel Forfettario con cassa

Modello Fattura Excel Forfettario con cassa

Scarica qui l’esempio di Modello Fattura in Excel per il Regime Forfettario con Cassa Previdenziale, che potrai modificare immettendo tutti i tuoi dati.

 

Esempio Fattura Regime Forfettario Gestione Separata INPS (senza Cassa)

Per i professionisti che non hanno un ordine professionale di riferimento si parla di Gestione Separata INPS, che prevede il pagamento di un contributo annuo calcolato in percentuale sul reddito imponibile del professionista. Fanno parte di questa categoria, ad esempio, le professioni più nuove come quelle che lavorano nell’area del digitale (copywriter, social media manager, consulenti SEO, sviluppatori web, blogger, videomaker, eccetera) e molte altre professioni come osteopati, fisioterapisti, tatuatori, amministratori di condominio, fotografi, designer, stilisti e altre ancora.

Anche per queste categorie di professionisti in regime forfettario non viene inserita l’IVA nella fattura mentre sarà possibile facoltativamente inserire il contributo di rivalsa INPS pari al 4%. In questa ipotesi, il professionista può infatti scegliere se addebitare in fattura al proprio cliente una maggiorazione del 4% sul compenso, previo accordo e facendolo concorrere alla propria contribuzione previdenziale.

Per questa tipologia di attività, un esempio di fattura è il seguente:

Modello Fattura Excel Forfettario senza cassa

Modello Fattura Excel Forfettario senza cassa

Scarica qui l’esempio di Modello Fattura in Excel per il Regime Forfettario senza Cassa Previdenziale che potrai modificare immettendo tutti i tuoi dati.

 

Modello Fattura Excel per Reverse Charge

Il reverse charge (in italiano inversione contabile) è un sistema di emissione fattura in cui viene invertito il pagamento dell’IVA: l’imposta sul valore aggiunto non grava sul venditore, ma viene assolta dal compratore. Esistono due tipologie di reverse charge: interno o esterno.

Quello interno riguarda lo scambio di beni o servizi tra soggetti passivi italiani, nei settori considerati a più alto rischio di evasione fiscale ed è soggetto a fatturazione elettronica. Il reverse charge esterno, invece, è quello che si effettua negli scambi con i paesi esteri (sia appartenenti al CE sia extra-CE). Quest’ultimo non è soggetto a fatturazione elettronica e l’emittente italiano deve inviare al cliente estero una fattura molto semplice dove non viene conteggiata l’IVA.

Nella fattura in reverse charge va sempre inserita la dicitura che richiama la legge che autorizza il reverse charge:

Prestazione di servizi soggetta al reverse charge ex art. 17 comma 6 D.P.R. 633/1972 – l’applicazione dell’IVA é a carico del destinatario della fattura.

Per quanto riguarda il facsimile di fattura va distinto il caso del regime ordinario dal regime forfettario, in quanto cambia la dicitura riportata nel documento.

 

Esempio Fattura Reverse Charge in Regime Ordinario

Per il regime ordinario la dicitura da riportare in fattura è del tipo:

Prestazione di servizi soggetta al reverse charge ex art. 17 comma 6 D.P.R. 633/1972 – l’applicazione dell’IVA è a carico del destinatario della fattura.
Operazione esente da imposta di bollo e senza addebito dell’IVA ai sensi dell’art.17 DPR.633/72 e dell’art. 1 comma 629 della Legge di Stabilità 2015
.

Un facsimile di fattura con reverse charge nel regime ordinario è il seguente:

Modello Fattura Excel Reverse Charge

Modello Fattura Excel Reverse Charge

Scarica qui l’esempio di Modello Fattura in Excel per il reverse charge in regime ordinario che potrai modificare immettendo tutti i tuoi dati.

 

Esempio Fattura Reverse Charge in Regime Forfettario

Per il regime forfettario la dicitura da riportare in fattura è di questo tipo:

Prestazione di servizi soggetta al reverse charge ex art. 17 comma 6 D.P.R. 633/1972 – l’applicazione dell’IVA è a carico del destinatario della fattura.
Operazione effettuata ai sensi dell’art. 1, commi da 54 – 89, L.190/2014 come modificata dalla L. numero 208/2015.
Operazione non soggetta a ritenuta d’acconto ai sensi del provvedimento del Direttore Agenzia Entrate n. 185820 del 22 dicembre 2011.
Operazione esente da imposta di bollo e senza addebito dell’IVA ai sensi dell’art.17 DPR.633/72 e dell’art. 1 comma 629 della Legge di Stabilità 2015
.

Un facsimile di fattura con reverse charge nel regime forfettario è il seguente:

Modello Fattura Excel Forfettario Reverse Charge

Modello Fattura Excel Forfettario Reverse Charge

Scarica qui l’esempio di Modello Fattura in Excel per il reverse charge in regime forfettario che potrai modificare immettendo tutti i tuoi dati.

 

Esempio Fattura Reverse Charge in inglese

Considerando che il cliente potrebbe essere estero, è buona cosa emettere una fattura in reverse charge in lingua inglese. Un modello di riferimento può essere il seguente:

Modello Fattura Excel Reverse Charge inglese

Modello Fattura Excel Reverse Charge inglese

Scarica qui l’esempio di Modello Fattura in Excel per il reverse charge in ingelese che potrai modificare immettendo tutti i tuoi dati.

 

Modello Fattura Excel con più aliquote IVA

Talvolta può essere necessario fatturare articoli o prestazioni che hanno aliquote IVA diverse in un unico documento: ad esempio, articoli al 22%, al 4% e al 10%.

Un esempio tipico è l’attività del farmacista, che vende farmaci con aliquota al 4% e al 10%, in più vende prodotti di parafarmacia tassati al 22%. Non solo: ci possono essere anche prestazioni esenti IVA (ad esempio prestazioni sanitarie, attività educative e culturali, esercizio di giochi e scommesse, operazioni in oro, eccetera). In questo caso va indicato nella descrizione della riga in fattura il codice di esenzione IVA.

Quando bisogna emettere una fattura con più righe associate ad aliquote IVA diversa, serve un modello che permetta la distinzione dei beni e delle aliquote corrispondenti. Inoltre, è necessario avere il totale distinto per aliquota IVA e per imponibile corrispondente. Il totale dell’IVA sarà dato dalla somma dei diversi importi IVA, mentre il totale della fattura dovuta dal cliente sarà dato dalla somma dell’imponibile e del totale IVA (più altre somme a credito o a debito).

Per questa tipologia di attività, un esempio di fattura è il seguente:

Modello Fattura Excel con più aliquote IVA

Modello Fattura Excel con più aliquote IVA

Scarica qui l’esempio di Modello Fattura in Excel per più aliquote IVA che potrai modificare immettendo tutti i tuoi dati.

 

Fatturazione con il Software Gestionale

I facsimili e i modelli di fatture che trovate in questo articolo sono utilizzabili sia come fatture di cortesia sia come fatture vere e proprie da chi, non disponendo di un software gestionale, deve elaborare manualmente i suoi documenti fiscali. La maggior parte dei nostri modelli fattura sono stati creati utilizzando un un foglio di calcolo per automatizzare i calcoli e ridurre la percentuale di errore.

È chiaro che gestire manualmente le fatture (anche tramite fogli di calcolo) presenta sempre un certo margine di errore ed è fattibile fino a quando i volumi da gestire rimangono contenuti. Quando l’attività aziendale diventa più complessa per fatturato, numero di clienti e/o di fornitori, è necessario dotarsi di un sistema automatizzato che gestisca l’intero ciclo di fatturazione. Se poi si rientra nelle categorie dei soggetti IVA obbligati a fatturare elettronicamente, il software fatturazione elettronica è praticamente obbligatorio per poter emettere e ricevere i file XML.
 

Con il giusto programma di gestione, rischi e margini di errore si riducono notevolmente: l’applicativo, infatti, è in grado di elaborare ogni informazione relativa alla propria attività e di emettere una fattura a partire da un ordine, da un preventivo o da una commessa, calcolandone la redditività.

 

Vuoi saperne di più?

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
Contattaci subito: siamo a tua completa disposizione!