SPID aziendale: a cosa serve e come fare

SPID aziendale

Il Servizio Pubblico di Identità Digitale, noto come SPID, è uno strumento di identità digitale, costituita da una coppia di credenziali (username e password), strettamente personali,  che permette di accedere ai servizi online dei vari Enti Pubblici (Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL e così via). Dal 1° ottobre 2021, la persona fisica deve possedere lo SPID per poter usufruire di questi servizi, oppure in alternativa può utilizzare la CIE – Carta di Identità Elettronica oppure la CNS – Carta Nazionale dei Servizi.

La sua utilità si è estende anche al campo aziendale: un professionista può avere il suo SPID professionale e un’azienda il suo SPID aziendale. Queste tipologie di SPID consentono alla persona fisica autorizzata di accedere a tutti i servizi pubblici online che interessano l’attività di impresa, semplificando e rendendo sicura l’interazione tra il professionista/azienda e la Pubblica Amministrazione.

In questo articolo vediamo insieme cos’è lo SPID aziendale, come si attiva e quanto costa.

Che cos’è lo SPID aziendale

Lo SPID si suddivide in quattro categorie principali:

  • SPID Personale (SPID di tipo 1): è l’identità digitale per una persona fisica che gli consente di accedere ai propri dati personali online.
  • SPID Aziendale (SPID di tipo 2): è l’identità digitale per una persona giuridica, senza riferimenti alla persona  fisica che lo utilizza. È attualmente poco usata perché, non includendo i riferimenti alla persona fisica che lo usa, veicola solo i dati relativi alla persona giuridica e questo è stato un limite, in quanto nell’effettuare determinate attività gli enti e i fornitori dei vari servizi hanno sempre bisogno di sapere quale persona fisica sta usufruendo del servizio. Per ovviare a questi limiti sono, infatti, nati gli SPID che seguono.
  • SPID Professionale (SPID di tipo 3): è quello pensato per i professionisti e i lavoratori autonomi. Rappresenta un’identità digitale avanzata che include i dati personali della persona fisica unitamente agli attributi specifici della sua professione. Questo tipo di SPID consente di gestire rapporti con clienti e enti pubblici e privati in modo efficiente, richiedendo un meccanismo di autenticazione a due fattori (2FA), per garantire un elevato livello di sicurezza.
  • SPID Aziendale Professionale (SPID di tipo 4): è destinato alle persone giuridiche. L’azienda autorizza dipendenti o collaboratori (che siano siano legali rappresentanti o che possono agire per conto di essa) ad accedere ai servizi pubblici online a favore della persona giuridica. Questa identità digitale avanzata contiene i dati della persona fisica e quelli della persona giuridica associata.

Nel gergo comune con il termine SPID aziendale si fa riferimento allo SPID sia professionale che aziendale professionale ossia all’identità digitale ai fini dell’attività di impresa.

 

Differenza tra SPID aziendale e SPID personale

Lo SPID aziendale non va confuso con lo SPID personale: la differenza chiave risiede nella destinazione d’uso.

  • SPID personale è uno strumento di identità digitale che abilita la singola persona fisica all’utilizzo dei servizi online pubblici per uso personale.
  • SPID aziendale è uno strumento di identità digitale che abilita il professionista o i soggetti che rappresentano legalmente o possono operare per conto dell’azienda all’utilizzo dei servizi online pubblici a favore dell’attività d’impresa.

Entrambe le due modalità assolvono all’obiettivo di gestire in modo efficace e semplice le interazioni con la PA.

 

A cosa serve lo SPID aziendale

Lo SPID aziendale, nell’ambito lavorativo, ha il preciso scopo di autenticare la persona fisica autorizzata (professionista o legale rappresentante dell’azienda) per effettuare l’accesso e poter utilizzare i servizi online con finalità strettamente connesse all’attività professionale svolta, permettendo di rendere più veloci e facili procedure burocratiche e organizzative dell’impresa.

 

SPID aziendale: obbligatorio o facoltativo?

Non esiste una normativa che rende obbligatorio lo SPID per le aziende: questo dipende dalle esigenze specifiche di ciascuna organizzazione e dalle attività svolte online. Sicuramente occorre tener presente che dal 1° ottobre 2021, per accedere ai servizi telematici PA, lo SPID è diventato obbligatorio (in alternativa ci si può dotare delle credenziali Fisconline o Entratel). Pertanto quando l’azienda ha necessità di accedere a questi servizi oppure è coinvolta in appalti pubblici o attività online complesse, l’uso dello SPID aziendale può diventare praticamente indispensabile per garantire un accesso sicuro e agevole ai servizi digitali. Al contrario, per altre realtà commerciali con esigenze meno complesse, l’adozione dell’SPID aziendale può rimanere una scelta opzionale.

 

Come si richiede lo SPID per le aziende?

Lo SPID aziendale, come quello personale, va richiesto ad un Identity Provider abilitato AgID. L’elenco di questi gestori e i vari servizi è disponibile sul sito Agid. Diversamente dall’identità digitale per la persona fisica, la richiesta dello SPID per le aziende comporta un rischio più grande, in quanto può provenire da utenti non autorizzati. Per questo solitamente viene implementata una doppia chiave di controllo (dual control), che coinvolge due figure chiave:

  1. Utente di governo: questo utente ha il compito di indicare le persone che possono ottenere l’identità digitale a nome dell’organizzazione. Tuttavia, non è autorizzato a concedere l’autorizzazione per il rilascio dell’identità stessa. Inoltre, è l’unico soggetto abilitato a richiedere la revoca dello SPID aziendale per un dipendente.
  2. Utente di gestione: questo utente è autorizzato a richiedere il rilascio dell’identità digitale per conto dei soggetti indicati dall’Utente di Governo.

Oltre a questo doppio controllo, la normativa impone all’Identity Provider l’invio periodico all’organizzazione di una comunicazione contenente l’elenco dei soggetti a cui è stata rilasciata l’identità digitale SPID per le persone giuridiche (elDup PG).

SPID aziendale: come attivarlo

Per l’attivazione dello SPID aziendale occorre seguire determinati step e procurare alcuni documenti necessari per l’attivazione.

  1. Documento di identità del legale rappresentante: il documento può essere una carta d’identità, un passaporto o una patente ed è fondamentale per verificare l’identità della persona fisica rappresentante legale e confermare il diritto di richiedere lo SPID aziendale.
  2. Tessera sanitaria o codice fiscale del legale rappresentante: questi documenti sono essenziali per identificare la persona che richiede lo SPID a nome dell’azienda.
  3. Partita IVA dell’azienda: è un documento essenziale per l’identificazione dell’azienda. È importante, inoltre, che l’azienda abbia una visura registrata presso la Camera di Commercio di competenza, dimostrando così che il richiedente è il legale rappresentante dell’azienda.
  4. Dati di contatto: occorre fornire un indirizzo e-mail e un numero di cellulare per la verifica durante la registrazione.

In alcuni casi, potrebbe essere richiesta documentazione aggiuntiva, a discrezione dell’Identity Provider o in base alla natura dell’attività aziendale. Ciò potrebbe includere il certificato di iscrizione alla Camera di Commercio, lo statuto aziendale o i bilanci.

In base al provider che si sceglie occorre poi seguire la procedura illustrata nel relativo sito web del fornitore dello SPID.

 

Quanto costa fare lo SPID aziendale?

Il costo per attivare uno SPID aziendale varia a seconda dell’Identity Provider che si sceglie. Da una ricerca effettuata sui provider maggiormente utilizzati a gennaio 2024, riportiamo la tabella che segue. I costi indicati nella tabella si riferiscono al costo annuale e sono IVA esclusa, pertanto per avere il prezzo finale occorrerà aggiungere l’IVA del 22%.

 

QUANTO COSTA LO SPID?
Esempio dei prezzi di gennaio 2024, esposti  e indicati sui siti web dei rispettivi provider e riferiti alle tariffe annuali (IVA esclusa)
IDENTITY PROVIDERSPID PROFESSIONALE
Persona fisica e professione
SPID AZIENDALE
Persona giuridica
Infocert€ 24,90
Lepida€ 20,00€ 20,00
Poste Italiane€ 30,00
Namirial€ 35,00
Register€ 48,00€ 48,00
Aruba€ 22 il primo anno;
dal secondo € 30,00

I prezzi esposti sono indicativi e potrebbero non essere aggiornati: vanno verificati sul sito del provider.

 

 



 

Vuoi saperne di più?

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
Contattaci subito: siamo a tua completa disposizione!